Skip to main content

Cellulite o ritenzione idrica: le differenze

Cellulite o ritenzione idrica: le differenze

Se sulle tue gambe sono presenti dei segnetti antiestetici che, chiacchierando con un’amica, hai definito cellulite, sappi che potresti esserti sbagliata. C’è una differenza sostanziale infatti tra cellulite e ritenzione idrica. In questo articolo scopriamo in modo semplice quali sono le principali differenze. 



Ritenzione idrica 


La ritenzione idrica è in sintesi un ristagno di liquidi che provoca un’alterazione della circolazione linfatica e venosa. Il risultato è costituito da una serie di gonfiori che producono un risultato fortemente antiestetico. Le cause della ritenzione idrica sono spesso riconducibili a uno stile di vita sbagliato: sedentarietà e dieta squilibrata.

Per ottenere degli ottimi risultati spesso è sufficiente modificare queste cattive abitudini e iniziare a muoversi di più e mangiare più frutta e verdura. 



Cellulite 


La cellulite è invece un’infiammazione dello strato adiposo sottostante. Questa infiammazione porta a sua volta ad un numero maggiore di cellule adipose o di un ingrossamento delle cellule adipose già presenti. Tutto questo si traduce in un cambiamento di aspetto del tessuto connettivo che quindi si presenta in modo irregolare e prende il nome di pelle a “buccia d’arancia”. 


L’infiammazione iniziale è legata alla ritenzione idrica, ovvero ad un ristagno di liquidi.



Cellulite e ritenzione idrica sono una la conseguenza dell’altra. Il ristagno dei liquidi provoca un’infiammazione dei tessuti adiposi che a sua volta provoca un cambiamento di aspetto dei tessuti con il risultato di una pelle d’arancia. 



Cellulite e ritenzione idrica: cosa fare? 

Le vittime di questi segnetti antiestetici sono quasi esclusivamente le donne. Cosa fare dunque se si nota sulla propria pelle la comparsa di segnali che indicano la presenza di ritenzione idrica o cellulite? 

  • migliorare l’alimentazione 

Il sale in generale non è certamente un buon alleato per contrastare la buccia d’arancia. Se assunto in quantità eccessive può infatti favorire la ritenzione idrica che, come abbiamo visto, è il primo passaggio verso la cellulite. A differenza di quanto si possa pensare, una pelle a buccia d’arancia può essere causata anche da una dieta eccessivamente ricca di zuccheri: dolci, bevande zuccherate ecc.. In tutti questi casi infatti l’accumulo di tossine e liquidi è garantito. 




  • mantenersi in movimento 

Basta anche una semplice camminata per contrastare l’accumulo di tessuto adiposo. Il movimento aerobico stimola infatti la circolazione e dunque aiuta a prevenire o a migliorare l’aspetto di una pelle a buccia d’arancia. 




  • Stimolare la circolazione in modi alternativi. 

Esistono diversi trattamenti estetici che possono aiutare a stimolare la circolazione e che rappresentano pertanto dei validi alleati da abbinare sempre e comunque al movimento e ad una sana alimentazione. 


i nostri leggins sono un valido alleato capace di contrastare il fastidio che spesso si presenta in abbinato al gonfiore e al senso di pesantezza tipico della ritenzione idrica. Inoltre possono aiutare a drenare i liquidi in eccesso ed essere particolarmente utili come trattamento da provare appena prima di un’occasione importante per apparire subito più sgonfie e in forma, pensiamo per esempio ad un matrimonio, una comunione o un compleanno importante.

Leggi tutto

Come ringiovanire il viso

Come ringiovanire il viso

Come eliminare smagliature e perdita di tono con l’edera

Come eliminare smagliature e perdita di tono con l’edera

Rimedi per capelli crespi

Rimedi per capelli crespi