Skip to main content

Skincare da mascherina: come prendersi cura della pelle

Skincare da mascherina: come prendersi cura della pelle

A causa dell’utilizzo della mascherina, sempre più persone si lamentano della comparsa di imperfezioni e brufoletti sul viso. La mascherina va a ad alterare l’intero ecosistema della pelle: è quindi necessario seguire una skincare specifica per questo periodo.

Ti sembra di vederti pieno di brufoli e macchie sul viso? Tranquillo, non stai mangiando troppo cioccolato.

L’utilizzo della mascherina è stato centrale nella lotta contro il Covid19 ma adesso, dopo più di un anno di pandemia, iniziano a manifestarsi alcuni fastidiosi effetti collaterali.

Primo fra tutti, la comparsa di brufoli, punti neri ed altre imperfezioni sul viso.

L’aggravarsi dell’acne può portare anche a prurito ed arrossamento delle zone più colpite e nascoste dalla mascherina: mento, guance, labbra e naso.

Per fortuna, si tratta di un problema assolutamente risolvibile con pochi e piccoli accorgimenti e soprattutto con l’introduzione di una corretta skincare routine.

Perché con la mascherina compaiono molte imperfezioni sul viso?

La mascherina accumula l’umidità che è generata da naso e bocca quando respiriamo e parliamo attraverso di essa: il tessuto umido, essendo a contatto diretto con la pelle, causa occlusione dei pori, portando ad un accumulo considerevole di sebo e non permettendo la traspirazione delle cellule.

Ciò provoca la formazione di punti neri, brufoli ed altre impurità ed imperfezioni sul nostro viso: a tutto questo si aggiunge anche la presenza di germi e di inquinamento, che aggravano la salute della pelle e causano arrossamento sulla pelle.

La perfetta skincare da mascherina

L’acne da mascherina non è un problema irreversibile: è anzi possibile prevenirla grazie ad alcuni semplici accorgimenti che possiamo adottare in autonomia.

Prima di indossare la mascherina è bene effettuare una normale skincare utilizzando alcuni prodotti di base quali tonico, detergente e crema idratante.

Per quanto riguarda i prodotti specifici per la cura della pelle (ad esempio, i prodotti contro l’acne) possono essere applicati alla sera, prima di coricarsi.

Infatti, la maggior parte dei cosmetici anti-imperfezioni asciugano le impurità sul viso esfoliando la pelle e riducendo la produzione di sebo.

Utilizzando la mascherina si tende semplicemente a far accumulare le imperfezioni sul tessuto stesso anziché eliminarle, provocando arrossamento e peggiorando l’acne.

I prodotti, inoltre, devono essere sempre delicati: si consigliano cosmetici dermatologici lenitivi e riparatori i contro le imperfezioni e prodotti antiossidanti ed idratanti contro le irritazioni.

Inoltre, non va sottovalutata l’importanza di una buona maschera o uno scrub: attraverso una pulizia profonda, vengono espulse dalla nostra pelle tutte le impurità migliorandone notevolmente il benessere.

Infine, ci sono ulteriori accorgimenti da adottare nella lotta contro l’acne che miglioreranno la salute della pelle come, ad esempio, concedersi un po’ di sole sul viso quando non ci sono altre persone nelle vicinanze (nel rispetto delle norme contro la diffusione del Covid) e, soprattutto, cercare di dormire almeno 8 ore per notte.

Anche il make-up può favorire il sorgere di acne da mascherina: si consiglia quindi di ridurre al minimo l’utilizzo di correttori, primer e fondotinta perché provocano occlusione dei pori, impedendo ulteriormente alla pelle di respirare.

Inoltre, si consiglia di sostituire il rossetto con un burro cacao neutro, dato che le labbra sono a contatto con la mascherina e hanno bisogno di essere continuamente idratate.

I prodotti Concilium grazie ai loro principi idratanti e protettivi possono essere un valido aiuto contro l’acne da mascherina. Prova tu stesso!

scopri tutti i prodotti 

 

 

Leggi tutto

Creme viso uomo e donna: il mondo skincare diventa inclusivo

Creme viso uomo e donna: il mondo skincare diventa inclusivo

Skincare routine e autunno

Skincare routine e autunno

Cibi per l’abbronzatura: quali scegliere?

Cibi per l’abbronzatura: quali scegliere?